Angela Camuso è forse l’unica giornalista del mainstream ad aver portato in televisione l’esperienza dei medici che hanno curato i pazienti con protocolli di cura domiciliari. Ha scritto un libro d’inchiesta, dal titolo “La vita che ci state rubando”, edito da Castelvecchi, in cui documenta le molteplici inadempienze che sarebbero state commesse “prima con colpa e poi con dolo dalle istituzioni” nella gestione dell’epidemia sanitaria. Negando cure efficaci contro il virus “hanno ammazzato una marea di gente. Questi sono degli assassini”. “Il mio libro è a disposizione di magistrati che vogliano far chiarezza sulla vicenda”. “Oggi”, dice Angela Camuso in modo molto chiaro, “siamo in dittatura, dobbiamo resistere, perché la verità ha il potere di autoaffermarsi”.