PANGEA

PANGEA

Pangea, programma di politica internazionale a cura del CNGNN (Comitato No Guerra No Nato, Italia) in collaborazione con Global Research (Centro di Ricerca sulla Globalizzazione, Canada), nasce per contrastare la disinformazione dei grandi media sulle questioni nodali da cui dipende il nostro futuro.

Gli eventi che ci coinvolgono – dall’attuale crisi economica al crescente confronto militare anche nucleare – vanno visti in un’ottica globale.
A tal fine, insieme a Manlio Dinucci - giornalista e geografo- ed esperti italiani, collaborano a questo programma esperti da altre parti del mondo.

Subscribe Share
PANGEA
  • Fukushima, dilaga: la pandemia nucleare

    29.01.2021. Non è Covid, per cui la notizia è passata quasi inosservata: il Giappone scaricherà in mare oltre un milione di tonnellate di acqua radioattiva dalla centrale nucleare di Fukushima.

  • Italia nucleare: demagogia e realtà

    26.01.2021.In occasione dell’entrata in vigore del Trattato ONU sulla Proibizione delle Armi Nucleari, il Ministero degli Esteri di Luigi Di Maio dichiara che “l’Italia conferma di condividere pienamente l’obiettivo di un mondo libero da armi nucleari”. Qual è la realtà?

  • Una BANCA NATO per la guerra

    22 gennaio 2021. l’Italia deve accrescere la spesa militare: 26 miliardi di euro annui non bastano più, occorre passare ad almeno 36 miliardi annui come stabilito dalla Nato e ribadito dal neopresidente democratico Joe Biden. Ma dove trovare i soldi in una situazione di crisi come quella attuale?...

  • TRENT’ANNI FA LA GUERRA DEL GOLFO: La strategia dell’impero.

    Gli Stati uniti provocarono la guerra del Golfo per imporre il loro dominio globale mentre collassava il blocco sovietico. Oggi però da un mondo unipolare si sta passando a uno multipolare.

  • Trent’anni fa: LA GUERRA DEL GOLFO

    Nel gennaio 1991, mentre finiva la guerra fredda, veniva scatenata nel Golfo la guerra più distruttiva.
    La guerra del Golfo fu provocata da un preciso piano strategico degli Stati Uniti per trarre il massimo vantaggio dal collasso del blocco sovietico.

  • Dietro al piano del Grande Reset

    L’economista Peter Koenig descrive il piano che i Rockefeller, i Gates, i Rothschild stanno attuando, dietro la copertura delle misure anti-Covid, per imporre il dominio di una esigua minoranza sulla stragrande maggioranza.

  • La nostra democrazia dietro le sbarre

    Mentre il Tribunale di Londra negava a Julian Assange il rilascio su cauzione, rimandandolo nel carcere di Belmarsh –la “Guantanamo britannica”, la polizia arrestava pacifici dimostranti, anche anziani, che chiedevano la sua liberazione.

  • Il verdetto su Assange - Servizio da Londra

    Il verdetto di non-estradizione di Assange è dovuto, da un lato, alla campagna per la sua liberazione, dall’altro al fatto che un processo pubblico negli Usa sarebbe estremamente imbarazzante per l’establishment politico-militare.

  • L’avvertimento di Mosca

    Vladimir Kozin, principale esperto militare russo ci spiega cosa farà la Russia se gli USA schiereranno missili nucleari in Europa. Mentre l’attenzione mondiale è concentrata sul Covid19, Kozin ci avverte che il pericolo di una guerra nucleare è più imminente adesso che durante la guerra fredda.

  • Ritornano gli euromissili nucleari

    Oltre cinque anni fa titolammo sul Manifesto (9 giugno 2015) «Ritornano i missili a Comiso?». Tale ipotesi fu ignorata dall’intero arco politico e liquidata da qualche sedicente esperto come «allarmistica». L’allarme, purtroppo, era fondato.

  • Il “crimine” di Assange: aver portato alla luce i crimini di guerra

    Il giornalista d’inchiesta australiano Julian Assange, se estradato da Londra negli USA, rischia 175 anni di carcere, in condizioni tali da costituire una vera e propria condanna a morte, per aver portato alla luce non segreti militari ma crimini di guerra.

  • Assange libero per la nostra libertà

    A due settimane dalla sentenza con cui, il 4 gennaio, il tribunale di Londra deciderà se estradare negli Stati Uniti Julian Assange, suo padre, John Shipton, spiega in questa intervista esclusiva a Berenice Galli perché si tratta di un caso in cui è in gioco la nostra libertà.

  • I 70 anni della NATO: di guerra in guerra

    La seconda parte di un documentario che ricostruisce la storia della NATO dalla nascita nel 1949 fino ai nostri giorni, mostrando ciò che la storiografia ufficiale nasconde.

  • I 70 anni della NATO: di guerra in guerra

    Questo documentario ricostruisce la storia della NATO dalla nascita nel 1949 fino ai nostri giorni, mostrando ciò che la storiografia ufficiale nasconde (prima parte).

  • Il ruolo di Joe Biden nella guerra contro l'Iraq

    Questo documentario statunitense mostra, attraverso filmati originali e testimonianze di politici ed esperti, il vero volto del democratico Joe Biden, prossimo presidente degli Stati Uniti, che ha svolto un ruolo determinante nello scatenare la seconda guerra contro l’Iraq, innescando una reazion...

  • La politica estera di Joe Biden

    Il programma di politica estera che Joe Biden si impegna ad
    attuare è espressione di un partito trasversale, la cui esistenza
    è dimostrata dal fatto che le decisioni fondamentali di politica
    estera, anzitutto quelle relative alle guerre, vengono prese
    negli Stati uniti su base bipartisan.

  • La Bomba è pronta: tra breve in Italia

    Sara Cunial e Manlio Dinucci discutono di temi di estremo interesse:
    - la sottomissione militare dell'Italia e la crisi economica del 2020.
    - La connessione tra sovranità militare e sovranità economica
    - Come la sottomissione militare influenza la nostra vita quotidiana
    - L'allocazione di 30 m...

  • La crisi economica del 2020: povertà globale, disoccupazione, disperazione

    Michel Chossudovsky, economista, direttore del Centro di ricerca sulla globalizzazione (Canada), parla della crisi economica senza precedenti che, innescata dalla pandemia di Covid, sta portando a un colossale trasferimento di ricchezza da una maggioranza impoverita a una ristretta minoranza semp...

  • Il ministro Guerini sulle orme di San Francesco

    Manlio Dinucci, giornalista e geografo, parla del coinvolgimento dell’Italia nella sempre più pericolosa strategia della Nato e del conseguente aumento della nostra spesa militare nel momento in cui mancano le risorse per fronteggiare l’attuale crisi economica.

  • La presentazione di Pangea, programma di politica internazionale

    Pangea, programma di politica internazionale a cura del CNGNN (Comitato No Guerra No Nato, Italia) in collaborazione con Global Research (Centro di Ricerca sulla Globalizzazione, Canada), nasce per contrastare la disinformazione dei grandi media sulle questioni nodali da cui dipende il nostro fu...