Nella giornata di lunedì 10 gennaio, il Governo ha tenuto una conferenza stampa per comunicare le recenti decisioni, una su tutte l’obbligo vaccinale per gli over 50. Il presidente Draghi ha nuovamente ribadito che la colpa della gestione disastrosa dell’emergenza sanitaria sia dei non vaccinati. Ma c’è qualcosa che non torna nei dati e nelle dichiarazioni.

Sembra che l’aggressione ai diritti e alla libertà della persona umana sia giustificata dal contrasto verso chi ha legittimamente e liberamente scelto di non vaccinarsi. I cosiddetti no vax sono discriminati in tantissimi ambiti, dall’uso dei mezzi di trasporto alle retribuzioni.

Con il decreto legge del 7 gennaio il green pass diventa obbligatorio anche per i magistrati e gli avvocati, così come l’obbligo di super green pass per quanti di loro rientrano nella fascia degli over 50. Un nutrito gruppo di avvocati tra cui Olga Milanese che più volte abbiamo ospitato su Byoblu, ha firmato e inviato una lettera aperta per sottolineare la gravità della deriva cui si va incontro.

In un incontro tra il vice segretario di Stato americano, Wendy Sherman e l’omologo russo Sergey Ryabkov, gli Stati Uniti riaffermano la volontà di aprire ad altri Paesi l’ingresso nella NATO. L’eventuale ingresso dell’Ucraina preoccupa la Russia.