Te lo dice Abbate Luiggi è una rubrica che si propone di gettare uno sguardo sull’attualità attraverso i versi in romanesco del poeta Carlo Renzi interpretati da Sandro Torella, un modo per sorridere e farsi beffa delle contraddizioni del potere, proprio come era costume ai tempi di Abbate Luiggi, una delle cinque statue parlanti della tradizione romana, a cui i romani affidavano le loro proteste contro il potere papalino, affiggendo dei messaggi.

Rubrica a cura di Alessandro Amori per Playmastermovie.


Caro Babbo Natale, una proposta.
Sei generosità fatta persona,
tu scenni dar cammino e, a bella posta,
lassi rigali, te ne vai alla bona
e, in cammio, piji quarche callarosta.
Ma nun me pare giusto, dai, perdona.
Io vorebbe scammià cò quarche cosa
de più importante, un pò più prezziosa.
Presempio, pè l’orologgio a pennolo oscillante,
pijete la ministra de l’interno.
Pe’ er pinguino finto, barcollante,
te darebbe chi se sente un padreterno
e parla de salute, ‘n pare vero,
ner mentre er vice suo casca dar pero.
E poi ciavemo puro er generale,
pe’ quello basteno du’ caramelle,
magari una, che deppiù nun vale.
Si ce dai un deodorante pe’ l’ascelle,
te poi portà via puro er capoccione,
si poi t’empiccia, lasselo in priggione.
Mo è vilipennio si parlo de chi è in cima,
Chi è lo capite ar volo, cià er timone.
Pijete chi sostiè ‘sta pantomima
e lassa copie de la costituzzione.
E mo che er Bomba vò risalì sur cocchio,
te lo do in cammio der naso de Pinocchio.
Si poi ce doni un po’ de sentimento,
poi straportatte tutto er parlamento.