Parliamo di famiglia, di mamme e di papà, di figli abbandonati e dimenticati. Parliamo anche di fede, di chiesa, di verità. E lo facciamo con un “addetto ai lavori”, Padre Carmelo Capizzi, della congregazione dei rogazionisti il quale ha dedicato una vita intera a ridare speranza, dignità e futuro ai ragazzi di strada e ai bambini orfani delle Filippine. Ci facciamo raccontare, senza ipocrisie e tabu’, come un cristiano vive questi tempi così cupi. E così ostili verso quella società naturale fondata sul matrimonio che si chiama famiglia e che e’ riconosciuta persino dalla nostra Suprema Carta. Gli chiediamo, infine, se questa Chiesa svolge ancora la sua missione originale. O non si è trasformata, invece, in una succursale delle Nazioni Unite per la promozione di un generico buonismo politicamente corretto.