Il neoliberismo non è un deficit di democrazia, ma la distruzione di essa come processo di evoluzione della coscienza. Oggi più che mai è necessaria una narrativa coerente che si opponga chiaramente alla narrativa neoliberista che è molto forte.