Ormai chi dissente dal pensiero unico governativo e da quello medico scientifico viene punito. A sostegno del proprio pensiero, delle proprie tesi non si può più chiamare in causa neppure la Costituzione o il giuramento di Ippocrate. Figuriamoci presentare dati, numeri che testimonino incongruenze rispetto a questa gestione politica e sanitaria dell’emergenza covid.

Tutto viene messo da parte per osannare questo nuovo modo di pensare anti dissenso, anti polemica, anti tutto. È in questa nuova “struttura” che si inseriscono le censure dei canali di informazione, i procedimenti disciplinari verso vice questori e medici?

Quella che vi raccontiamo oggi è la storia di Antonio Miclavez, imprenditore e medico dentista, che dopo anni di iscrizione all’albo dei medici è stato radiato per aver rilasciato un’intervista nella quale si dimostrava critico rispetto alla gestione del covid. Questa è la sua versione dei fatti.