“I cittadini si sentono presi ormai per i fondelli. Il risultato di questa politica è l’antipolitica.
Dove sta la violenza? Da che parte? – si chiede in maniera retorica il professore Paolo Becchi – “Dalla parte degli operai e portuali che stanno seduti per terra o dalla parte delle forze di polizia che intervengono con idranti e lacrimogeni. Da che parte sta? Mi pare evidente. Vogliono la strategia della tensione”.

Ad essere colpita dai lacrimogeni anche una scuola di Trieste. Immagini che il professor Becchi commenta su Byoblu: “I fumogeni a scuola sono vergognosi: il ministero degli interni può fare quello che vuole?”