Torna su Byoblu il ricercatore Stefano Scoglio che, a supporto della sua tesi in merito ai vaccini e ai farmaci a RNA e DNA, porta un recente studio, effettuato dal governo giapponese e che Pfizer avrebbe fatto di tutto per tenere secretato, ma che grazie a un FOIA è stato reso pubblico.

La tesi sostenuta dal ricercatore è che la tecnologia dei farmaci e vaccini a RNA o DNA non abbia risolto un problema fondamentale, cioè quello della capacità di portare il materiale genico all’interno della cellula.

Lo studio Giapponese che è stato realizzato in collaborazione con la stessa Pfizer si è svolto come segue: i ricercatori hanno valutato la bio-distribuzione dei lipidi che incapsulano lo mRNA nell’organismo, attraverso un doppio sistema di rilevamento: codificando lo Mrna per l’enzima fluorescente luciferasi oppure rendendo i lipidi radioattivi.