– Si è svolta la conferenza stampa indetta da Mario Draghi a seguito del Consiglio dei Ministri, che ha affrontato diversi temi tra cui green pass e campagna di vaccinazione. Il Primo Ministro italiano ha scelto di gettare benzina sul fuoco, preannunciando che il green pass sarà presto esteso in altri luoghi e ad altre categorie, nonostante le numerose proteste che si sono svolte in tutta Italia. Inoltre, Sia Draghi che il Ministro della Salute Speranza hanno affermato che, una volta che l’EMA supererà l’autorizzazione condizionata del farmaco, questo verrà imposto con l’obbligo a tutta la popolazione.

– Tutti si aspettavano lo scontro e proteste violente nelle stazioni per il blocco dei treni, invece non è successo nulla e pochissimi hanno aderito a questa iniziativa. Una prova di maturità del movimento che si batte per la libertà. La stampa mainstream, però, ha intitolato: “flop no vax”. Altre manifestazioni di piazza riuscite, partecipate, democratiche erano state invece completamente ignorate.

– Vi avevamo dato già conto dei conflitti di interesse all’interno delle agenzie di regolamentazione dei farmaci, dove alcuni esponenti hanno avuto carriere all’interno delle multinazionali del farmaco. E adesso arriva un terremoto dalla FDA per quel che riguarda la terza dose.

– In Francia alcuni Tribunali hanno definito l’obbligo di green pass nei centri commerciali, esteso anche ai supermercati lì collocati, uno strumento discriminatorio e superfluo, sospendendolo nelle loro giurisdizioni. Ma il Consiglio nazionale dei centri commerciali preme perché la misura sia sospesa in tutta la nazione.