La diffusione del Coronavirus che ha colpito la Cina è frutto di un mutamento naturale, nel passaggio da animale a uomo, come sostengono molti virologi, o si tratta di un virus realizzato in laboratorio? E soprattutto: è credibile che si possa trattare di guerra batteriologica (o meglio, di guerra biologica) scatenata dagli Stati Uniti d’America nei confronti del Governo di Pechino, come paventato dal filosofo Diego Fusaro? O si tratta invece di uno scenario assolutamente “impossibile”, come molti commentatori sostengono in televisione o sui giornali, cioè mero complottismo?

Secondo Gabriele Vietti, studente di Filosofia all’Università degli Studi di Torino, del gruppo “Studio“, si può dimostrare scientificamente che lo scenario della guerra biologica non è per nulla poco plausibile, al contrario di quanto sostenuto dai siti di debunking istituzionali UE e da tutta la stampa mainstream. Gabriele, in questo video, dopo un preambolo di Diego Fusaro, prova a spiegare le conclusioni cui il gruppo “Studio” è giunto, illustrando le metodologie utilizzate e argomentando fonti alla mano.

Qui l’articolo completo, scaricabile da Byoblu: https://www.byoblu.com/wp-content/uploads/2020/02/Covid-19-e-complottismo.pdf

Qui un documento più discorsivo per comprendere la questione con argomentazioni meno tecniche: Coronavirus-La-bufala-dellantibufala

Chiunque sia interessato a collaborare al gruppo “Studio“, proponendo idee nuove o sviluppando quelle già aperte, offrendo le proprie capacità e in base ai propri interessi, può contattare il gruppo qui: https://m.facebook.com/HIC.ILLA.EST/?ref=bookmarks