L’emergenza che stiamo vivendo non è solo sanitaria. Il globalismo senza frontiere, il mercato competitivo, l’austerità “espansiva” e la (non) cooperazione europea sono miti che si stanno sgretolando sotto gli occhi di tutti, anche dei più increduli. La politica è sparita e si affida alle scienza o forse allo scientismo, neologismo coniato da chi critica la sua propensione assoluta alla venerazione dei dogmi.

Esiste un confine tra i diritti inviolabili della persona e le determinazioni delle commissioni tecnico-scientifiche che hanno fermato il mondo? Per rispondere a questa domanda, a #Byoblu24 abbiamo invitato le menti che danno vita alla serie di convegni dal titolo inequivocabile “Scientocrazia”.

Ecco gli interventi di Enzo Pennetta, biologo, docente, saggista e fondatore di “Critica Scientifica”; Il Pedante, filosofo e autore di “La crisi narrata” e “Immunità di legge”; Pier Paolo Dal Monte, medico chirurgo e co-autore insieme a Il Pedante di “Immunità di legge”; Paolo Gibilisco, docente di Analisi Matematica e Probabilità all’Università di Roma Tor Vergata; e Micaela Bartolucci, docente e rappresentate di Programma101.