Il filosofo e docente universitario Paolo Becchi commenta l’allargamento del green pass anche negli atenei italiani. In particolare Becchi ripercorre quella che è stata la sua formazione nell’Università di Genova, dove poi ha svolto la carriera di docente. L’università si sta ora trasformando in un luogo di confinamento e non di apertura, con questo strumento che sembra avere come unico obiettivo quello del controllo sociale.