Lo scrittore e giornalista Gabriele Sannino parla dei vari espedienti del sistema per innescare una cultura del non risveglio, alias una programmazione senza un concreto spirito critico e – soprattutto – intelligenza emotiva.